Raul Julia

Raúl Juliá, all’anagrafe Raúl Rafael Juliá y Arcelay (San Juan, 9 marzo 1940 – Manhasset, 24 ottobre 1994), è stato un attore portoricano.

Attore che si è diviso tra teatro, televisione e cinema e spaziando da ruoli drammatici a brillanti; ebbe grande popolarità dopo aver interpretato Gomez nei film La famiglia Addams e La famiglia Addams 2 di Barry Sonnenfeld.

Nato a Porto Rico, entrò nel mondo dello spettacolo con una performance in un night club di San Juan, rifacendosi all’attore Orson Bean. Nel 1969 iniziò la sua carriera cinematografica facendo parte, con ruoli secondari, dei cast di alcuni film, e raggiungendo poi, nel 1974, il vero successo con l’interpretazione di Edmund nel film per la televisione Re Lear, tratto dalla tragedia di Shakespeare. Nel 1971 partecipò a dei musical, ottenendo un grande successo. Se il pubblico più attento lo ricorda come appassionato prigionierio politico nel Bacio della donna ragno di Babenco, come star di Hollywood è celebre soprattutto per la sua interpretazione di Gòmez nei film La famiglia Addams e La famiglia Addams 2 di Sonnenfeld, tratti dalla omonima serie televisiva degli anni ‘60, e che ebbero grande successo nei primi anni ‘90.

Nel 1991 gli fu diagnosticato un cancro allo stomaco, ma continuò a recitare. La malattia cominciò a farsi sentire su Juliá nel 1993 mentre era in Messico recitando in uno dei suoi ruoli più memorabili, l’attivista della foresta pluviale brasiliana Chico Mendes nel film televisivo The Burning Season (1994) per la quale vinse un Golden Globe e un Emmy Award postumi. Julia infatti mantenne il segreto sulla sua malattia quasi fino al giorno della sua morte sostenendo che il suo aspetto fisico sempre più scarno fosse il risultato di una dieta macrobiotica necessaria per un ruolo. Dopo che un paio di suoi amici rivelarono, anonimamente, la vera natura della sua condizione egli continuò comunque a negare. Poco tempo dopo aver concluso le riprese di The Burning Season, Julia viaggiò a Vancouver per recitare nel film Street Fighter nel ruolo del cattivo M. Bison, nel quale utilizzò un accento inglese.

Julia avrebbe dovuto apparire anche nella versione videoludica del film (attraverso la digitalizzazione) ma, anche se riuscì a incontrare lo staff responsabile del progetto era già così malato da non poter partecipare. Nei crediti finali, comunque, appaiono le parole “PER RAUL. Vaya Con Dios” (spagnolo, traduzione: “Vai con Dio”). L’ultimo lavoro di Julia è stato un ruolo di supporto nel dramma, fatto per la TV via cavo, Down Came a Blackbird.

Il 16 ottobre 1994 Julia subì un ictus nel suo appartamento di New York e cadde in coma; morì otto giorni più tardi. Il suo corpo fù riportato a Porto Rico dove ottenne un funerale di stato cui parteciparono migliaia di persone. A Julia sopravvissero la sua moglie e i suoi due figli. La sua tomba si trova al cimitero San Juan del Buxeda, lì a Porto Rico. Christina Ricci, avendoci lavorato assieme sui set dei due Addams, disse di lui: “Non è stato solo un grande attore, ma anche un grande uomo”.

Filmografia

  • Assassinio per un testimone (Stiletto), regia di Bernard L. Kowalski (1969)
  • Panico a Needle Park (The Panic in Needle Park), regia di Jerry Schatzberg (1971)
  • Been Down So Long It Looks Like Up to Me, regia di Jeffrey Young (1971)
  • L’organizzazione sfida l’ispettore Tibbs (The Organization), regia di Don Medford (1971)
  • La corsa più pazza del mondo (The Gumball Rally), regia di Chuck Bail (1976)
  • Gli occhi di Laura Mars (Eyes of Laura Mars), regia di Irvin Kershner (1978)
  • A Life of Sin, regia di Efraín López Neris (1979)
  • Strong Medicine, regia di Richard Foreman (1981)
  • Un sogno lungo un giorno (One from the Heart), regia di Francis Ford Coppola (1982)
  • The Escape Artist, regia di Caleb Deschanel (1982)
  • La tempesta (Tempest), regia di Paul Mazursky (1982)
  • La gran fiesta, regia di Marcos Zurinaga (1985)
  • Il bacio della donna ragno (Kiss of the Spider Woman), regia di Hector Babenco (1985)
  • Posizioni compromettenti (Compromising Positions), regia di Frank Perry (1985)
  • Il mattino dopo (The Morning After) di Sidney Lumet (1986)
  • Trading Hearts, regia di Neil Leifer (1988)
  • The Penitent, regia di Cliff Osmond (1988)
  • Il dittatore del Parador in arte Jack (Moon Over Parador), regia di Paul Mazursky (1988)
  • Tango Bar, regia di Marcos Zurinaga (1988)
  • Tequila Connection (Tequila Sunrise), regia di Robert Towne (1988)
  • Romero, regia di John Duigan (1989)
  • Mack the Knife, regia di Menahem Golan (1990)
  • Presunto innocente (Presumed Innocent), regia di Alan J. Pakula (1990)
  • Frankenstein oltre le frontiere del tempo (Frankenstein Unbound), regia di Roger Corman (1990)
  • La recluta (The Rookie), regia di Clint Eastwood (1990)
  • Havana, non accreditato, regia di Sydney Pollack (1990)
  • La famiglia Addams (The Addams Family), regia di Barry Sonnenfeld (1991)
  • La peste, regia di Luis Puenzo (1992)
  • La famiglia Addams 2 (Addams Family Values), regia di Barry Sonnenfeld (1993)
  • Street Fighter – Sfida finale (Street Fighter), regia di Steven E. de Souza (1994)