S.B.: Come si fa ad integrarsi in un gruppo di attori che ha già fatto 250 spettacoli e quindi hanno molto in comune?

Charles: Ho visto l’opera e mi ha colpito il suo ritmo, il senso che i personaggi esprimono continuamente. Quello che mi piace di quel tipo di scrittura è che corrisponde ad un quadro generale della Francia contemporanea. Era vero sul palco ed è la stessa cosa sul grande schermo. Come se certe ansie tipicamente francesi fossero state tradotte da un gioco totalmente sfrenato, e uno abbastanza violento, portando a qualcosa di veramente divertente perché quella violenza è assolutamente accettata. Pierre, il mio personaggio, rappresenta un francese colto – uno che lavora, ma che sta perdendo il suo status e i suoi punti di riferimento. È l’opposto di Vincent, il personaggio di Patrick Bruel, che è abbastanza a suo agio con l’idea di guadagnare soldi, che non è appesantito dai principi e che vive nella nostra società attuale. Il loro confronto è eccezionale, e per di più, l’energia delle riprese lo ha evidenziato: corrisponde a ciò che gli sceneggiatori hanno pensato e la realtà che vogliono descrivere. La farsa francese cerca sempre di evitare argomenti controversi: qui, anche se la struttura è infatti piuttosto classica, Alexandre e Matthieu hanno aggiunto elementi crudeli, quasi scadenti. Ed ero davvero attratto da questo lato eccessivo. Per me, era un film e non ho dovuto “reinventare” me stesso in relazione all’opera teatrale originale. Jean-Michel Dupuis, che ha interpretato Pierre a teatro, era bravissimo, ma fin dall’inizio, era molto chiaro che volevo proporre qualcosa di diverso. Non si trattava di copiarlo. Il fatto che mi abbiano scelto ha portato automaticamente a qualcosa di diverso, e alla necessità di trovare un equilibrio diverso all’interno di questo quintetto. Sono stato anche fortunato di lavorare con colleghi che avevano la completa padronanza dei loro ruoli, e a recitare su un set sensazionale con registi che conoscevano il copione a memoria, ma anche pronti a modificarlo se necessario. Ma tutto fu fatto con molta precisione, perché con script buoni come questo, non ci sono così tanti modi diversi di interpretarli.

S.B.: Veniamo a Pierre, il tuo personaggio in Cena tra amici. Ciò che colpisce è il suo lato egocentrico e “borghese-bohemien”. Poi, nel corso della narrazione, ci si rende conto a poco a poco che grande vigliacco sia nel suo approccio alla vita.

Charles: Sì, è una di quelle persone che ha un appetito incredibile per la vita, energia genuina, ma che, con il passare del tempo, si lascia intrappolare dalle apparenze, dalle banalità dell’esistenza – quindi il lato “bobo”. Non è più realmente in contatto con la realtà, con quello che accade intorno a lui. Per esempio, quando viene attaccato da Babou, sua moglie, che tutto ad un tratto si rivela, con i suoi errori e i suoi difetti, Pierre è la persona più sorpresa. Pierre è una persona colta, di sinistra, a favore di tutte quelle cose come la parità, ma allo stesso tempo che si comporta esattamente come Vincent, che è apparentemente agli antipodi in termini di valori. Critica gli altri per difetti che in realtà ha per primo. Il fatto che si sia inventato una vita tutta sua che crede che possa nascondere la sua codardia.

S.B.: Conosci bene quel mondo: come artista, ovviamente, ma anche grazie alla tua famiglia perché uno dei suoi zii era il celebre critico letterario Raymond Picard. Hai tratto ispirazione dal tuo ambito familiare per costruire il personaggio di Pierre?

Charles: Sì, certo. Conosco molto bene questa tipologia di ceto medio, la rigidità culturale, e inoltre, fa parte di me. Ho solo dovuto attingere a questo, sperando nello stesso tempo di non raggiungere il punto di non ritorno! Ecco perché questa commedia è interessante: ci si identifica e si riconoscono le proprie debolezze. Questo quadro crudele ci fa ridere e ci allevia allo stesso tempo. Mi sono avvicinato al ruolo con molta emozione e gioia, perché mi ha permesso di affrontare cose che non avevo mai affrontato prima: quell’isteria, quella dismisura nelle relazioni di potere, e quell’autoritarismo abominevole

S.B.: Insieme alla grande comicità nel film, la questione centrale è infatti: “Può l’amicizia sopravvivere a una crisi, a una totale messa a nudo di tutto il risentimento che è stato nascosto per anni?

Charles: E la risposta è sì. Inoltre, questo è ciò che gli sceneggiatori hanno catturato così brillantemente. Dopo tutto quello che si dice, le cose riprendono. E non solo la loro amicizia resiste a questa crisi, ma si nutre di quello che è appena successo. Questo ci riporta a quello che ho detto: è tipicamente francese. Se il gioco funziona così bene, è perché Alexandre e Matthieu sono prodotti puri della nostra cultura nazionale. E quando li si conosce, si nota che tra le righe del loro copione, stanno anche parlando un po’ di se stessi. Questo è ciò che rende bravo uno sceneggiatore: non si risparmiano. Quella sera, quell’ora e mezza totalmente incandescente, cristallizza tutte le passioni che li hanno motivati da sempre.

S.B.: Anche all’interno della coppia formata da Pierre e Babou, ci sono cose non dette, il risentimento e la viltà improvvisamente escono allo scoperto.

Charles: Sì, ma ancora una volta, nulla verrà distrutto da questa terribile serata, perché il legame che unisce queste persone è molto forte. Okay, tutti questi personaggi appaiono del tutto matti, ma – e questa è la cosa più importante – sono anche pieni di amore.

S.B.: Hai un ricordo sereno sulla scelta del nome di tuo figlio Émile?

Charles: Diciamo che, a differenza di mio fratello, sono rimasto più nel classico. Émile è un nome classico, mentre i miei nipoti si chiamano Balthazard e Maia. È vero che i nomi dei miei figli nel film, Apollin e Myrtille, mi ha fatto pensare a mio fratello. Ma è ben visto dagli scrittori: viviamo in una società che cambia, alla ricerca di identità, e la scelta del nome è cambiata completamente negli ultimi 20 anni. Cena tra amici parla proprio di questo, è qualcosa di più profondo di semplice commedia teatrale, rivela verità più dolorose, come le due facce della Francia che attualmente si stanno confrontando.

S.B.: Cena tra amici fa venire in mente anche un altro dei tuoi film, RIDICULE di Patrice Leconte, con questa idea della cena durante la quale i partecipanti si lanciano frecciate a vicenda in nome di una ‘cultura’ che in realtà è solo apparenza, nonostante l’ignavia di alcuni ospiti.

Charles: Una delle analogie riguarda il piacere tipicamente francese di sfruttare la parola, parlando, impegnandosi in vera e propria giostra verbale durante un pasto. Anche se questo significa esagerare, come ha fatto l’abate interpretato da Bernard Giraudeau davanti al re in RIDICULE.

S.B.: Ti distingui in questa commedia, che ha qualcosa da dire, eppure, non capita spesso di vederti in questo genere di film.

Charles: In realtà mi viene raramente offerto questo genere di ruoli anche se ne ho interpretati altri. Penso di essere etichettato come un attore tragico, una persona seria, quasi dolorosa. Questo mi turba un po’, perché considero le arti drammatiche nel loro complesso e non ho mai considerato tragedia e commedia in opposizione l’una con l’altra. Mi piacciono proposte come Cena tra amici perché c’è una base su cui costruire, ma che richiede una risata. Ho iniziato in una commedia, mi piace, ma non è questo il modo in cui la gente mi vede ed è un peccato. Di qui la sensazione che il ruolo di Pierre stava aspettando proprio me.