“Sono capaci di tutto, persino di vendere zirconi per diamanti. Nascoste tra le pieghe della manovra ci sono norme apparentemente virtuose ma che in realtà sono un inno all’illegalità” così Antonio Borghesi, vicecapogruppo di IDV alla Camera, commenta la manovra economica varata dal governo.

“Mi riferisco, in particolare, alla sanatoria degli immobili fantasma che, apparentemente sembra opera meritoria, ma che in realtà si trasformerà nell’ennesimo condono edilizio” spiega Borghesi.

“La contromanovra di IdV va esattamente nella direzione opposta. E’ la manovra degli italiani onesti che, partendo dal principio sacrosanto ed inviolabile dell’equità, porta crescita e sviluppo al Paese. Addizionale del 7,5% per i capitali che sono rientrati con lo scudo fiscale, aliquota sulla rendita finanziaria dall’attuale 12.5% al 20% e la reintroduzione dell’Ici sulle case di lusso: sono solo alcune delle misure contenute nella manovra targata IdV. Questo governo premia i disonesti, i furbi, gli evasori fiscali e gli speculatori. Noi andiamo nella direzione opposta, quella dell’equità e dello sviluppo. E’ il minimo che si deve ai contribuenti italiani onesti” conclude Borghesi.