L’Ufficio federale della Sanità svizzera ha reso noto le analisi a campione sulle carni di pollo in vendita nella città di Basilea. Ebbene, il 41% dei campioni analizzati contiene il Campylobacter.
Particolarmente contaminati i campioni di pollo con la pelle, circa il 50%. Risulta invece meno contaminato il pollo surgelato, circa il 16% dei campioni, in quanto il congelamento tende a uccidere i batteri del Campylobacter.
Questo non significa che non si debba più mangiare pollo, spiegano le autorità. Ma è necessario, per evitare forte diarrea, rispettare le norme igieniche basilari: il pollo va ben cotto e non deve entrare in contatto con la carne cruda; ogni utensile utilizzato per tagliare o toccare la carne cruda deve essere lavato prima di toccare la carne cotta; infine, lavarsi le mani subito dopo aver toccato il pollo crudo, per evitare contatti con la bocca o con altro cibo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here