L’International Finance Corporation (IFC) membro del Gruppo della Banca mondiale, ha lanciato il Programma forestale sostenibile in Indonesia per sostenere la creazione di 250.000 ettari di piantagioni di alberi.
Il programma per cinque anni sosterrà gli obiettivi di espansione delle piantagioni su terreni degradati da parte di almeno 250.000 ettari. “Stabilire le piantagioni sostenibili del legname su terreni degradati ha diversi vantaggi – ha detto Adam Sack, IFC Country Manager per l’Indonesia – Riduce le emissioni di gas serra, porta la terra torna ad un uso produttivo, e produce indispensabili posti di lavoro nelle zone rurali.”

Ma secondo gli ambientalisti c’è un problema in termine come “terre degradate”. Le foreste comunitarie indigene sono state spesso catalogate come degradate da parte delle autorità di governo e funzionari della società, al fine di trasformarle in piantagioni – spiega Sergio Baffoni, di Terra!” Secondo le associazioni ambientaliste, in indonesia la corruzione del settore forestale e il taglio illegale sono rampanti. Le piantagioni finalizzate alla produzione di cellulosa e carta sono spesso associate a  pratiche insostenibili, e a drammatici impatti ambientali e sociali.

“Siamo allarmati dal fatto che l’IFC e la Banca Mondiale stia sostenendo con investimenti il settore della cellulosa e della carta, invece di avviare  una moratoria sugli investimenti, consultazioni pubbliche e una revisione strategica, simile alla politica già adottata nel settore della palma da olio – dice la lettera ONG – questo settore è uno dei fattori portanti della conversione delle torbiere e delle foreste naturali in piantagioni”.

Mentre ha avviato una moratoria su tutti gli investimenti nel settore dell’olio di palma, la Banca Mondiale, tramite l’IFC, sta valutando investimenti nel settore cartario e delle piantagioni in Indonesia. Si tratta però due settori con dinamiche similari, sia nel processo di deforestazione, che negli imapatti sui diritti umani, nelle pratiche di acquisizione delle terre, nella mancanza di ricerca del consenso da parte delle comunità indigene. In molti casi si tratta degli stessi gruppi industriali con attività in entrambi i settori.

“Chiediamo che l’attuale moratoria sugli investimenti nel settore dell’olio di palma sia applicata anche ai finanziamenti nel settore della cellulosa e della carta – è la richiesta finale delle ONG – e che la IFC avvii un processo simile per lo sviluppo di una strategia in grado di assicurare il rispetto scrupoloso delle norme della IFC e di evitare il sostegno a operazioni legate alle violazioni dei diritti umani, alla distruzione dell’ambiente e alla corruzione “.

Fonte: http://www.salvaleforeste.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here