Case Chiuse

Un viaggio in un luogo e un mondo dalle radici antichissime, e una biografia parallela e segreta del Paese. Dal Festival del Film di Roma, dove è stato una delle visioni più sorprendenti per il pubblico, arriva ora in edizione HOME VIDEO, CASE CHIUSE, il film documentario di Filippo Soldi, distribuito da Cinecittà Luce

Case chiuse è un viaggio nel tempo nel mondo delle case di tolleranza; un viaggio che parte dal lupanare di Pompei e dal papiro erotico del Museo Egizio di Torino e arriva a noi con le luci soffuse dell’Artemis di Berlino, un grande “club sauna” – che apre straordinariamente le sue porte alle telecamere e a interviste rivelatorie – che si distingue per l’attenzione al benessere e una media di 400 clienti al giorno (di cui non pochi provenienti dall’Italia).

Un racconto che passa per cinegiornali d’epoca, spezzoni di film, documenti letterari e artistici, e le testimonianze di personaggi dello spettacolo come Lina Wertmüller e Tinto Brass, della cultura come Eva Cantarella e Luciana Castellina, o come Pia Covre, portavoce del ‘Comitato per i diritti civili delle prostitute’.

Una Storia che in Italia ha una svolta precisa: il 20 febbraio 1958, con l’approvazione in Parlamento della famosa legge Merlin, la chiusura delle case e l’apertura di un dibattito che da 50 anni periodicamente si riaccende. Un coro sociale cui nel film rispondono, discrete e dirompenti, le parole delle prostitute dell’epoca, nelle lettere inviate alla senatrice Merlin per denunciare la loro situazione di degrado; voci qui restituite grazie alle attrici Piera Degli Esposti e Mariangela D’Abbraccio, che fanno da contrappunto alle immagini.

Un racconto ricco di informazioni, memorie, punti di vista suggestivi su un luogo che ha inciso – più di quanto non dicano gli annali – sugli equilibri sociali e culturali del Paese. Un tema scottante e presente oggi anche più di ieri, affrontato con tocco leggero, forse il migliore per confessare ipocrisie scoperte e vedere verità meno ovvie.

CASE CHIUSE, prodotto da Combo Produzioni in collaborazione con Rai Cinema e Cinecittà Luce, è distribuito nelle migliori videoteche e librerie da Cinecittà Luce.

Inoltre, grazie a un accordo tra Istituto Luce-Cinecittà e la piattaforma Own Air, il film è disponibile in download e in streaming (sul portale www.ownair.it) insieme ad altri nuovi documentari di Luce-Cinecittà. Una nuova occasione per portare al pubblico più vasto nel modo più semplice una ricca e qualitativa offerta di cinema.