La Corte dei Conti di Bolzano ha bocciato la legge provinciale che prevede trattamenti diversi tra cittadini italiani e stranieri nell’accesso agli alloggi sociali ed ai contributi pubblici in materia.
Nello specifico, e’ stata sollevata eccezione nei confronti della normativa attraverso la quale, nell’autunno scorso, si diede il via libera alla creazione di due distinte graduatorie, una per i cittadini comunitari e l’altra per gli extracomunitari, in tema di edilizia sociale.
La locale sezione di controllo dell’organo di giustizia contabile, esaminando la documentazione ha sollevato perplessita’, rilevando come la legge in questione sia in contrasto con il diritto internazionale e la normativa europea. Analoghe perplessita’ erano gia’ state espresse dai sindacati e dal Centro Casa di Bolzano, che avevano impugnato la relativa delibera di Giunta.

fonte aduc