“Anche noi, al pari del ministro Meloni, non siamo sgomenti per la distribuzione dei preservativi a scuola. A preoccuparci seriamente e’, invece, la mancata adozione dell’educazione sessuale come materia organica d’insegnamento e non gia’ delegata al buonsenso di qualche dirigente scolastico che di tanto in tanto, coraggiosamente, organizza seminarietti d’informazione tra mille difficolta’ e avversita'”. E’ quanto dichiara il presidente dell’Osservatorio sui diritti dei minori, Antonio Marziale, consulente della commissione parlamentare per l’Infanzia, a parere del quale: “E’ condivisibile il parere del ministro della Gioventu’ quando rivendica maggiore sinergia tra scuola e famiglia, ma e’ difficile realizzarla quando sia da una parte che dall’altra, alternativamente, si chiudono le porte al diritto che gli studenti hanno di essere debitamente informati ed educati”. Per Marziale “fino a quando la scuola non adottera’ l’educazione sessuale come materia, ogni tentativo risultera’ vano e avremo sempre piu’ giovani diseducati ed esposti a contagi”.

fonte aduc