Amazzonia: e gli indigeni affondano la diga

Alla fine l’hanno spuntata, almeno per ora. Gli indigeni dell’Amazzonica, e più precisamente i popoli del fiume Xingù, sono riusciti a bloccare la diga che avrebbe sommerso le loro foreste. L’ordine di fermare i lavori sulla diga di Belo Monte sul fiume Xingu, nello stato settentrionale brasiliano di Pará è stato adottato all’unanimità dal team di giudici del tribunale regionale federale.

I giudici hanno stabilito che la costruzione di ciò che è di essere al mondo il terzo più grande diga non è riuscito a rispettare la Costituzione brasiliana o Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) Convenzione 169 sui popoli indigeni e tribali, entrambi i quali richiedono la previa consultazione delle comunità indigene locali.

La sentenza è un avvertimento per le future opere infrastrutturali: i tribunali brasiliani sono pronti a sostenere il diritto dei popoli indigeni ad essere consultati su progetti che li riguardano e la loro territori.

“La Costituzione federale e la Convenzione internazionale sul lavoro (ILO) impongono al Congresso nazionale di consultare i popoli tradizionali coinvolti, prima di autorizzare un progetto per lo sfruttamento delle risorse sui loro territori” ha dichiarato il giudice Antônio de Souza Prudente, annunciando la sentenza.

“E invece i deputati e senatori ha approvato il decreto che ha avviato i lavori di costruzione, che prevede una consultazione a posteriori invece che preventiva”, ha detto Prudente, aggiungendo che questo era “il modo con cui funzionano le dittature.”

“I popoli indigeni devono essere ascoltati e rispettati”, ha aggiunto.

Belo Monte è uno dei grandi progetti infrastrutturali promossi dalle amministrazioni di sinistra del Brasile Partito dei Lavoratori, sotto l’ex presidente Luiz Inácio Lula da Silva (2003-2011) e dal suo successore, il presidente Dilma Rousseff.

Il governo sostiene che la diga, che sommergerà oltre 500 chilometri quadrati di terreno, è necessaria per soddisfare il crescente fabbisogno energetico del paese.

Belo Monte avrà una capacità massima di 11.233 megawatt (MW) durante la stagione delle piogge, e una capacità media di 4.500 MW. e fornirà elettricità a circa 26 milioni di persone, generando al contempo opportunità di lavoro.

Ma villaggi indigeni e delle comunità tradizionali che vivono lungo le rive del fiume Xingu si oppongono alla diga, perché, anche dove non inonderà i loro territori, devierà l’80 per cento dell’acqua del fiume, riducendo il loro accesso all’acqua e danneggiando seriamente gli stock ittici stock di cui vivono.

Per anni le comunità hanno tenuto le proteste contro la diga, preteste fattesi più dure con l’avvio dei lavori nel 2011. Il caso della diga sullo Xingu ha attirato l’attenzione dell’opinione pubblica internazionale.

Nell’ aprile 2011, la Commissione Inter-Americana sui Diritti Umani (CIDH) ha raccomandato al governo brasiliano l’immediata sospensione dei lavori e ha richiesto l’avvio di consultazioni “preventive, libere, informate, in buona fede, e culturalmente appropriati” con gli indigeni e le comunità locali, ma il governo ha respinto la richiesta.

“Il caso Belo Monte deve divenire un monito per i governi e le grandi aziende: devono prendere in seria considerazione le comunità indigene coinvolte dai lavori,” ha commentato il giurista brasiliano Dalmo Dallari in un’intervista all’IPS. “Invece di adottare un comportamenti autoritari, dovrebbero seguire la via del dialogo. Questa decisione della Corte richiama l’attenzione sul requisito giuridico del didialogo “.

La diga Belo Monte cuberebbe gravi siccità nel periodo estivo, perché ganci masse di acqua sarebbero deviate verso il bacino, lasciando a secco la Grande Volta (Big Bend),un tornante di 100 km nel cuore dell’Amazzonia.

Il fiume è la principale fonte di proteine e la principale via di comunicazione per circa 200 indigeni che vivono lungo il Grande Volta nel Paquiçamba e nella riserve Arara, oltre che per centinaia di famiglie contadine della zona.

Antônia Melo, il capo del Movimento Xingu sempre vivo, teme che le terre indigene, fin’ora “molto ben conservate,” dalle pratiche tradizionali, saranno danneggiate, e riferisce che il fiume ha già iniziato ad a prosciugarsi in alcuni tratti, e “pesce ha cominciato a farsi più raro”.

Se la costruzione continua, ha detto, questi impatti potrebbero aggravarsi, e le comunità indigene “perderanno la loro terra, per le generazioni future. Se devono andare nel paese dei bianchi, saranno oggetto di discriminazione e finiranno alla mercè dell’alcolismo e della violenza nelle città”.

La corte ha anche comminato alla Norte Energia – il consorzio la costruzione della diga – una multa di 250.000 dollari per ogni giorno di violazione dell’ordinanza.
Il consorzio però non ha riconosciuto la sentenza, e potrebbe fare ricorso.

La prima turbina della diga di Belo Monte dovrebbe entrare in funzione nel 2015, e l’intero progetto, del valore di 13 miliardi di dollari dovrebbe essere completata nel 2019.