Liberati 400 bambini rapiti, costretti a lavorare nelle miniere d’oro del Burkina Faso

Le forze dell’ordine sono riuscite a liberare in un’operazione internazionale guidata dall’Interpol circa 400 bambini rapiti, costretti a lavorare nelle miniere d’oro del Burkina Faso, riferisce oggi l’agenzia di stampa sudafricana Sapa. Secondo l’Interpol, i bambini rapiti erano originari dei Paesi dell’Africa occidentale. Lavoravano in condizioni estremamente dure, tra cunicoli e grotte ad una profondità di 70 metri, dove c’è poca aria ed inoltre non venivano pagati e non ricevevano un’istruzione. I bambini sono stati inviati negli orfanotrofi per ricercare loro una nuova famiglia e iniziare una nuova vita.

Fonte: http://rus.ruvr.ru/