Ilva: indagato anche don Marco Gerardo. Governo Monti, inetto e “golpista”

Il numero degli indagati nell’inchiesta sull’Ilva aumenta. Secondo fonti giudiziare, tra i nome degli indagati ci sarebbero anche quelli di Stefano Ippazio, sindaco di Taranto e don Marco Gerardo, ex segretario dell’arcivescovo di Taranto Benigno Luigi Papa.

Ancora irrintracciabile Fabio Riva, vicepresidente di Riva Fire, al quale i militari della Guardia di finanza devono notificare l’ordinanza di custodia cautelare in carcere firmata dal gip Patrizia Todisco. Secondo indiscrezioni Fabio Riva, dovrebbe essere negli USA.

Intanto il Governo Monti, vuole “trattare” con la direzione dell’Ilva. E’ chiaro che ci troviamo di fronte ad un Governo inutile e teorico, incapace di qualsiasi azione realmente efficace, debole con i forti e forte con i deboli. Un Governo che cede ai ricatti delle lobby, “assassinando” e umiliando, sia la dignità dei cittadini, sia la vita dei cittadini stessi. E’ un Governo che nei fatti non mostra alcun rispetto verso la Magistratura, sovrapponendosi ad essa. Il Governo Monti è la prova evidente di come attuare “un golpe” facendolo passare per rinnovamento e sacrifici. Loro si rinnovano (meglio sarebbe dire riciclano), noi facciamo i sacrifici…