Con 92 chilogrammi di carne pro-capite consumata in un anno, l’Italia occupa un posto intermedio nella classifica dei consumi dell’Europa a 15. Sono i dati diffusi da Assocarni e Assalzoo, su base Eurostat, in occasione del convegno “L’allevamento per un mondo sostenibile”, in corso stamane a Roma. Leader, per consumi annui pro-capite, e’ la Spagna con 135 chili, seguita da Danimarca, Irlanda, Portogallo, Francia e Austria. Dietro il nostro paese, la Germania con 89 chili, l’Olanda, il Regno Unito e la Finlandia che chiude con 72 chili all’anno.
“I consumi di carne in Italia sono stabili” ha tenuto a sottolineare il vice presidente di Assocarni Luigi Scordamaglia. “A livello mondiale – gli ha fatto eco Luigi Cremonini, presidente di Assocarni – i consumi sono destinati a crescere”

fonte aduc