Una piazza Navona stracolma, rumorosa e colorata ha urlato il suo ‘no’ al ddl intercettazioni aderendo alla ‘chiamata’ della Federazione nazionale della stampa (Fnsi) contro la ‘legge bavaglio’ e ‘il silenzio di stato’. “Oggi comincia la resistenza del 21esimo secolo che condurremo alla luce del sole e non clandestinamente”, ha annunciato dal palco il segretario della Fnsi, Franco Siddi, “un provvedimento ingiusto e iniquo contro il quale ci mobiliteremo a oltranza”.