Il vescovo brasiliano Pedro Casaldaliga, 84 anni, ha dovuto lasciare la sua casa a São Félix do Araguaia, nello stato amazzonico del Mato Grosso, dopo aver ricevuto minacce di morte per la sua attuazione in difesa degli Indios Xavante e delle comunitá povere. Francesco Escribano, biografo del vescovo e direttore della casa di produzione Minoria Absoluta, che sta preparando una miniserie televisiva su Casaldaliga, ha spiegato che il religioso ha lasciato la sua dimora su richiesta della Polizia Federale.

Le autorità lo hanno condotto a una localitá sconosciuta dove conta su una protezione della polizia, a causa delle minacce di morte ricevute in questi ultimi giorni da parte di coloni che occupano illegalmente le terre degli Xavante. Las Giustizia sta per decidere a favore degli Indios nella disputa per la terra, il che fa aumentare la violenza da parte degli occupanti illegali.