ONUL’ONU stima che circa un milione di siriani soffre la fame a causa del razionamento degli aiuti umanitari imposto dal governo. Il Programma Alimentare Mondiale dell’ONU (WFP, dall’inglese  World Food Programme) dichiara di fornire assistenza mensile a mezzo milione di persone in Siria, ma ancora circa un milione di persone non ricevono aiuti. Gli amministratori del WFP non possono espandere il loro programma in Siria dato che alcune delle sue agenzie non sono autorizzate a lavorare. Le Nazioni Unite riportano anche l’impatto dei problemi umanitari nel Paese: solo il mese scorso hanno lasciato la Siria circa 100.000 profughi.

Fonte: http://rus.ruvr.ru/