Si tratta di un pastore ruandese arrestato in Uganda per aver coordinato le operazioni di genocidio verso la comunità Tutzi nel 1994. Jean-Bosco Uwinkindi risponderà al Tribunale Internazionale Penale per il Ruanda i genocidio e crimini contro l’umanità, durante il massacro nel quale furono uccise 800.000 persone.