Saranno in tutto 7.000 i dipendenti in meno  entro il 2013 che il piano di riassetto aziendale prevede.

In parte saranno pensionamenti senza turn-over (non sostituzione), entro Dicembre 2010 1800 posti di lavoro saranno già stati tagliati attraverso dimissioni volontarie e pensionamenti.