Dieci spie del KGB hanno riconosciuto di essere colpevoli di aver cospirato contro gli Stati Uniti grazie anche al fatto che non erano registrati come agenti segreti in un paese straniero. Durante l’udienza alcuni hanno richiesto per i rei confessi un’immediata espulsione dagli USA.