Da una settimana era braccato dalla polizia britannica e le operazioni venivano seguite da una TV in diretta. Raul Moat reo di aver ucciso l’amante della sua ex fidanzata e ferito quest’ultima, sentendosi il fiato sul collo da parte degli agenti e probabilmente non vedendo più nessuna via d’uscita, si è sparato un colpo alla testa. Ritrovato dalla polizia immediatamente trasportato in ospedale dove è deceduto nella notte. Moat aveva 37 anni e si era nascosto vicino alle rive di un fiume nei pressi di Rothbury dal quale nascondiglio stava cercando di trattare con la polizia che lo tampinava.