Il corpo ISAF della Nato in missione in Afganistan ha ammesso che nella sparatoria di giovedì scorso avrebbe causato dei morti fra i civili. La forza internazionale aveva sferrato un attacco nella zona di Jani Khel dove alcuni feriti sarebbero proprio dei civili che nulla hanno a che vedere con i rivoltosi. L’ISAF ha inoltre reso noto che due militari stranieri sarebbero morti a seguito dell’esplosione di ordigni rudimentali.