L’agenzia Xinhua segnala che nella provincia cinese di Gansu (Nordovest) sono state sequestrate 76 tonnellate di latte in polvere con un livello di melamina 500 volte superiore al consentito. E secondo il giornale Beijing News, anche nella provincia Jilin (Nordest) è stata fatta una scoperta simile.
Nel 2008 il latte contaminato avvelenò quasi 300.000 bambini e causò almeno sei morti; lo scandalo si concluse con 21 persone denunciate e 2 condanne a morte.
La melamina, sostanza chimica usata per fabbricare prodotti di plastica, viene aggiunta al latte in polvere per simulare maggior contenuto proteico. Non si sa se quest’ultimo latte infetto sia già entrato nel circuito distributivo; Beijing News riferisce che a Gansu sono stati arrestati due responsabili dell’azienda produttrice.

fonte aduc