E’ stato un duro scontro tra i gestori dei forum jihadisti, che veicolano la propaganda di al-Qaeda sul web, a mettere fuori uso per alcuni giorni alcuni tra i piu’ importanti forum islamici presenti in rete. Per la prima volta, infatti, a causare la chiusura temporanea di alcuni di questi siti, come ad esempio quello del forum di ‘al-Fallujah’, non sono stati hacker israeliani ne’ occidentali, bensi’ altri internauti islamici che fanno capo a forum concorrenti.
Dopo tre giorni di black out e’ tornato attivo questa mattina il forum ‘al-Fallujah’, che scusandosi con gli utenti per l’assenza dalla rete ha ammonito tutti i visitatori “dal frequentare il forum della Rete del Tawhid islamico”, lasciando intendere che i suoi gestori abbiano rubato la password di uno dei suoi web master per veicolare falsi comunicati di al-Qaeda. “Chiediamo a tutti i nostri membri – si legge – di cambiare le password e di cambiare le proprie mail perche’ tutte le informazioni sensibili presenti nel nostro server sono state rubate”.
Nel frattempo i gestori del forum di ‘al-Fallujah’, non sono rimasti con le mani in mano e sembra siano riusciti a mettere fuori uso il sito concorrente. Andando, infatti, sul portale della ‘Rete del Tawhid islamico’, e’ possibile leggere solo un comunicato della direzione che risponde alla accuse di ‘al-Fallujah’ sostenendo di “operare esclusivamente per la vittoria dell’Islam e di essere impegnati nel preservare la sicurezza dei propri utenti’.
‘Chi ha attaccato quel sito – si legge – potrebbe far parte di altri forum e non del nostro”. In mezzo a questa ‘guerra’ tra forum jihadisti sono finiti anche altri siti vicini ad al-Qaeda, come quello di ‘al-Tahadi’, che ha pubblicato questa notte un comunicato per “annunciare il ritorno in rete del forum di ‘al-Fallujah’ e condannare i tentativi di altri di penetrare e boicottare il sito minando la credibilita’ del Centro informativo ‘al-Fajr'”. Quest’ultima e’ la sigla di una delle tante case di produzione jihadiste che realizzano filmati di propaganda per al-Qaeda in rete.
Gli amministratori del forum di ‘al-Fallujah’ sostengono che il tentativo di intrusione nel loro sistema sia avvenuto dopo il furto della password dei gestori di questo centro di produzione, attraverso cui sarebbe stato veicolato materiale jihadista definito ‘falso’.
Uno dei video diffusi dal centro ‘al-Fajr’ nel mese di giugno e’ stato quello relativo a un presunto messaggio audio di Osama Bin Laden nel quale il terrorista saudita diceva, seppur con parole diverse, le stesse cose gia’ affermate in una registrazione mandata in onda dalla tv araba ‘al-Jazeera’ nel mese di marzo. Le modalita’ di diffusione di questo documento, cosi’ come il suo contenuto, avevano sin dall’inizio destato forti sospetti da parte degli utenti dei forum jihadisti in Internet.

fonte aduc