Scossa di magnitudo 6.5 Richter in Cile, non si registrano danni e per il momento non sussiste il pericolo Tzunami. E’ curioso il fatto secondo cui da molti mesi, più di un anno per la verità, si verificano scosse di terremoto in varie parti del mondo che superano intensità forti e si avvicendano con frequenza impressionante. Qualche ora dopo il terremoto del Cile, in Sicilia, a largo delle coste, si è registrata una scossa di magnitudo 3.4, nel luogo è la terza negli ultimi tre giorni, mentre continua inesorabile, la sequenza sismica in Abruzzo anche dopo il terribile sisma dello scorso 9 aprile 2009. Il Cile era già stato teatro di un fortissimo sisma verificatosi in febbraio 2010 e che ha generato 600 morti. Certo è che l’avvicendarsi sistematico di terremoti di forte intensità specie negli ultimi 12 mesi, risulta preoccupante e quantomeno anomalo.