Un nuovo rapporto investigativo pubblicato da Greenpeace, accusa il gruppo cartario Asia Pulp & Paper (APP)  di progettare una massiccia espansione delle piantagioni ai danni delle foreste indonesiane, ultimo habitat della tigre di Sumatra. La APP è controllata dal conglomerato indonesiano Sinar Mas.

Secondo il rapporto ‘How Sinar Mas is Pulping the Planet’, un documento interno del 2007, proverebbe l’esistenza di piani di aumento della capacità produttività da 2,6 a 17,5 milioni di tonnellate l’anno. Di conseguenza, la APP  ha cercato di impossessarsi di oltre un milione di ettari di nuove piantagioni per rifornire le proprie cartiere. Nelle province di Sumatra di Riau e Jambi da solo, l’azienda ha richiesto 900.000 ettari di foreste, di cui oltre la metà è stato già assegnato all’azienda

“Debbono espandere le proprie piantagioni perché le concessioni attuali non sono sufficienti a rifornire le loro cartiere – ha detto Bustar Maitar, di Greenpeace – Questo è un grosso punto interrogativo del progetto di moratoria. Se le grandi aziende come A.P.P. Sinar Mas o come un gruppo continuano a fare affari come al solito, continuano a convertire le foreste in piantagioni, qual è il senso della moratoria?”

Aida Greenbury, della APP, ha negato al New York Times l’esistenza dei piani di espansione e che la APP utilizzi fibre provenienti da foreste di “alto valore ambientale”, tra cui le torbiere e gli habitat di specie minacciate, sostenendo che le proprie piantagioni sono state istituite su terreni degradati o di scarso valore commerciale. Ma secondo Greenpeace, la APP ha trasformato in piantagione torbiere più profonde di tre metri, protette dalla legge indonesiana, il cui drenaggio rilascia grandi quantità di gas serra.

Un’inchiesta del Times ha verificato che la APP alimenta ogni settimana la propria cartiera Indah Kiat a Sumatra con migliaia di tonnellate di legname proveniente dalla foresta pluviale. I giornalisti del Times hanno registrato 20 chiatte in coda presso il porto della cartiera: cinque erano piene di tronchi di foresta pluviale tronchi, dieci contenevano legno di piantagione e di foresta pluviale e solo cinque caricavano legno di piantagione.

Greenpeace ha inoltre accusato Wal-Mart, Hewlett Packard, Auchan, Carrefour e KFC di acquistare dal gruppo Sinar Mas, chiedendo loro di sospendere ogni acquisto.
Secondo il Financial Times, Auchan avrebbe ammesso di acquistare dalla APP, ma starebbe studiando le misure da intraprendere, mentre  Carrefour ha deciso di fermare la produzione  dei prodotti a marchio presso la APP, a partire dall’estate.

L’Indonesia ha firmato accordo con la Norvegia da un miliardo dollari per l’avvio di una moratoria di due anni sulle nuove autorizzazioni di conversione per foreste e torbiere, allo scopo di ridurre le emissioni dovute alla deforestazione.

La britannica Tesco vende 80 tipi di prodotti in carta realizzati da APP, tra cui blocchi da disegno a marchio Tesco, carta da lettere e cartoline. La Tesco ha continuato a comprare prodotti della APP anche dopo che Sainsbury’s e Marks & Spencer avevano cancellato i propri contratti a causa della deforestazione provocata dalla APP. Dopo essere stata contattata dal Times, la Tesco si è però impegnata a cessare ogni acquisto dalla APP  entro la fine di quest’anno.

Fonte: http://www.salvaleforeste.it