Nel 1955 l’attore britannico Sir Michael Caine fece sopprimere il padre malato di cancro terminale al fegato dai medici che lo assistevano. Lo ha confessato lo stesso Caine uscendo allo scoperto per la prima volta per sostenere il principio del “suicidio assistito”.
Caine, il cui vero nome e’ Maurice Joseph Micklewhite, ha spiegato in un’intervista alla radio Classic Fm (in onda stasera) che i medici iniettarono una overdose di antidolorifico per porre fine alle sofferenze del padre, cui “ormai restavano al massimo tre o quattro giorni di vita”.
Dopo aver assistito il padre per giorni Caine si avvicino’ ai medici chiedendo loro: “Non c’e’ nulla che potreste fare… dargli una overdose e porre fine a tutto questo”. La prima risposta dei dottori fu un netto rifiuto ma proprio mentre stava lasciando l’ospedale uno dei medici gli disse: “Torni a mezzanotte”. L’attore ha riferito che puntuale all’ora stabilita era al capezzale del padre e “cinque minuti dopo mio padre se ne era andato”.
L’attore, che ha vinto due Oscar (nel 1986 per “Hannah e le sue sorelle” e nel 1999 per “Le regole della casa del sidro”) ha spiegato di non aver detto nulla neanche alla madre Ellen, morta nel 1989.
Nel Regno Unito dal 1961 il suicidio assistito e’ un crimine e in teoria Sir Michael rischierebbe fino a 14 anni di prigione. Ma il capo della procura generale, Keir Starmer, ha escluso di volerlo incriminare perche’ Caine rientra nella fattispecie di chi “ha aiutato a porre fine alla vita di una persona cara per ragioni compassionevoli ed altruistiche”.

fonte aduc

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here