La Corte Europea per i diritti umani di Strasburgo ha multato la Russia per la violazione dei diritti della comunità LGBT alla quale è stato vietato lo svolgersi del Gay Pride e degli altri eventi annessi alla manifestazione che si svolge ogni anno in varie parti del mondo. Il caso del divieto russo è stato presentato alla Corte di Strasburgo dall’attivista Nikolai Alexeyev il quale ha accusato il Governo di Mosca di aver violato i principi sanciti dalla Convenzione Europea che la Russia invece dovrebbe rispettare in quanto è uno Stato membro del Consiglio Europeo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here