Questa volta sono trenta i morti a causa di una violentissima sparatoria avvenuta a Sonora, al confine con gli USA. Lo scontro è da inquadrare nel traffico di stupefacenti e nel mercato dell’attraversamento clandestino delle frontiere con gli Stati Uniti, che vede coinvolti gli stati del Texas, Arizona e California.

A darne notizia della vera e propria battaglia sono stati vari media locali, mentre le autorità tacciono sui numeri riportando solo la notizia di numerose vittime.