L’indagine è partita grazie alla segnalazione dei genitori dell’allieva. Un professore di matematica di Teramo è stato coinvolto nell’indagine da parte della Squadra Mobile del posto, accusato di aver costretto una giovane 14enne a visionare dei film pornografici sul personal computer della scuola dove insegnava. Il professore è stato sospeso dall’insegnamento per disposizione del GIP del Tribunale di Teramo con la contestazione di violenza privata nei confronti della minore.