Una maestra elementare di Piacenza ha patteggiato due mesi di pena per il reato di aver minacciato una sua ex allieva e la sua famiglia. La maestra temeva che a causa del trasferimento della bambina in un’altra scuola, di perdere il proprio posto di lavoro. Infatti la donna era convinta che perdendo alunni nell’istituto in cui operava, questo sarebbe stato chiuso chiaramente senza avere fondamenti razionali in merito. La maestra è stata incastrata grazie alla testimonianza della barista di un locale presso cui si era recata più volte per compiere le telefonate minatorie.