Il Partido Popular spagnolo ha depositato ieri come previsto un ricorso davanti alla Corte Costituzionale contro la nuova legge sull’aborto approvata in febbraio dal parlamento per iniziativa del governo del premier socialista Jose’ Luis Zapatero.
La nuova normativa, che deve entrare in vigore il 5 luglio, consente alla donna di scegliere liberamente fino alla 14/ma settimana di gravidanza se abortire o meno. Una facolta’ concessa anche alle minorenni fra i 16 e i 18 anni.
Secondo il Partido Popular le nuove disposizioni sono contrarie alla costituzione in quanto non proteggono sufficientemente il nascituro e la madre.
Il principale movimento di opposizione ha chiesto ai giudici costituzionali di sospendere in forma cautelare l’entrata in vigore della legge.

fonte aduc