Dal 22 luglio in Francia, vendere sigarette ai minorenni è vietato e passibile di un’ammenda fino a 135 euro.
La notizia è sparata in prima pagina a caratteri cubitali dal quotidiano Le Parisien. Il divieto previsto dalla legge “Hôpital, patients, sant‚ et territoires” del 22 luglio dello scorso anno, è entrato in vigore dopo la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale del 27 maggio, ricorda il quotidiano.
Finora il divieto era valido solo per i minori di 16 anni, ma da ora è esteso ai minori di 18. Ai rivenditori è stato inviato un adesivo da attaccare alle casse dei negozi per ricordare il divieto, che concerne anche la vendita di alcol.
Il testo precisa ugualmente che “il fatto di vendere o di offrire gratuitamente, nelle rivendite di tabacco, nei negozi o nei luoghi pubblici, dei prodotti derivanti dal tabacco a un minorenne è punibile con un’ammenda relativa alle contravvenzioni di quarta classe”, vale a dire fino a 135 euro.

fonte aduc