Smentita in parte dal Procuratore Capo di Milano, Edmondo Bruti Liberati, sull’esistenza di un’inchiesta relativa a dei presunti rapporti fra il Premier Silvio Berlusconi e una giovane minorenne marocchina di nome Ruby, notizia rivelata alcuni giorni fa dal giornale Il Fatto Quotidiano. La ragazza, secondo il giornale, farebbe parte del gruppetto di artisti emergenti guidato dal famoso manager Lele Mora. La Procura milanese ha ammesso soltanto l’apertura di un fascicolo contro ignoti a riguardo. Berlusconi ha dichiarato: “Della spazzatura mediatica lascio a voi di preoccuparvene. Ricevo insulti a iosa e voglio usare il sistema Annozero: contraddittorio zero. Sono una persona di cuore e mi muovo sempre per aiutare chi ne ha bisogno”. L’ultima affermazione di Berlusconi è relativa al fatto di quando la ragazza fu trattenuta con l’accusa di furto a Milano. Emilio Fede intervistato da Radio Monte Carlo, ha affermato: “Ruby? Credo di averla vista un paio di volte, ma non ho mai avuto a che fare con lei come con nessun altra che possa in qualche modo collegarsi alla prostituzione”. Ma Ruby aveva rivelato di essere stata portata proprio da Emilio Fede ad alcuni ‘festini’ trasgressivi nella personale residenza del Premier a Arcore. Ma i colpi di scena non sono finiti, perché infatti ecco là che spunta fuori la notizia che nel registro degli indagati, oltre a Fede, il quale ha negato di essere a conoscenza di esserne iscritto, spuntano i nomi dei fedelissimi di Berlusconi fra cui Nicole Minetti, 25enne con un passato da soubrette e l’agente Lele Mora, già precedentemente coinvolto in ‘Vallettopoli’. La ragazza minorenne avrebbe anche raccontato che dopo le cene con ‘festino’ finale, con gli ospiti presenti si procedeva ad una specie di cerimoniale erotico denominato “Bunga Bunga”….

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here