D.A.D.Arriva oggi nelle sale italiane D.A.D., il film di Marco Maccaferri prodotto da L’Isola e da Polivideo, una coproduzione tra Italia e Svizzera distribuita da Luce-Cinecittà, presentato all’ultimo Festival di Busto Arsizio dove ha sorpreso per l’atmosfera ‘ai confini della realtà’, in bilico tra fantascienza e thrilling. Un racconto inconsueto per la produzione media italiana, dalla forte unità di luogo al cast più che corale, alla particolare sospensione temporale.

Un low-budget che amalgama sperimentazione e spettacolarità, e conferma la tendenza del film ‘di genere’ anche in Italia a una riflessione trasfigurata, caricata ma comprensibile, sulle pieghe e ossessioni del quotidiano. Ben oltre i confini del buco dentro cui i protagonisti del film sono costretti.

Diciannove persone sono nascoste e in fuga in un buco largo sei metri e lungo otto. È una porzione di terreno scavato probabilmente per le fondamenta di una casa. Terra, qualche calcinaccio e sacchi di cemento che gli abitanti del buco usano come riparo, giaciglio.

Sulla parete a sud si affaccia un tubo dal quale esce un rivolo d’acqua; una grande ruspa con la benna immobile si staglia sul cielo, ed è il cielo l’unica visuale permessa ai 19 fuggiaschi. Già, perché tutti loro hanno un grosso problema: non appena mettono fuori il naso dalle basse pareti che circondano il buco, vengono metodicamente falciati da precisi colpi di mitragliatrice.

Non sanno chi li tiene lì, chi non viene a stanarli, chi si diverte in un gioco al massacro; sanno che devono camminare carponi, strisciare e non alzarsi mai.

E i 19 comunque vivono, interagiscono tra loro, scatenano sentimenti irrazionali, litigano, organizzano la fuga, si amano, fanno amicizia.

Non si sa molto del perché sono lì. Una guerra? Bande armate che si sono scatenate nella zona? Sadici assassini?

Brandelli di dialoghi raccontano il passato del gruppo: la loro vita prima del buco, le cose o le persone lasciate bruscamente al momento della fuga… Ma è soprattutto il tempo presente che importa: una malinconica, nevrotica, amara e paradossale realtà.

GUARDA IL TRAILER

CON

Stefano Annoni, Luca Bastianello, Giovanni Battaglia, Giorgio Borghetti, Maria Carpaneto, Francesca Cassottana, Giusto Cucchiarini, Elisabetta De Palo, Hervé Diasnas, Mattia Fabris, Magdalena Grochowska, Melania Maccaferri, Valentina Mignogna, Stefano Orlandi, Clemente Pernarella, Ivana Petito, Emilio Romeo, Emilia Scarpati Fanetti, Arianna Scommegna, Alice Torriani, Eleonora Trevisan.

Regia Marco Maccaferri aiuto regia Andrea Canepari soggetto Marco Maccaferri e Diego Runko sceneggiatura Marco Maccaferri e Antonello Rinaldi con la collaborazione di Diego Runko fotografia Claudio Bellero montaggio Marco Garavaglia effetti digitali Marcello Buffa sound design Attila Faravelli e Nicola Ratti musiche Roberto Cecchetto, Marco Mati, Franco Serafini scenografia Rossella Guarna costumi Vanessa Rizzi makeup Elisabetta Flotta

Una produzione – l’Isola srl Milano e Polivideo CH.

Prodotto da – Riccardo Pintus e Minnie Ferrara

Una distribuzione Istituto Luce-Cinecittà

Italia/Svizzera, 2015