Condanna a morte per milioni di yemeniti

Organizzazioni internazionali avvertono delle ripercussioni della classificazione di Ansar Allah come “terrorismo”-
Il direttore generale del Programma alimentare mondiale, David Beasley, mette in guardia gli alti funzionari delle Nazioni Unite sulla gravità della decisione degli Stati Uniti di inserire Ansar Allah nella lista delle “organizzazioni terroristiche” e Martin Griffiths esprime la sua “paura” degli effetti della decisione.

Alti funzionari delle Nazioni Unite hanno messo in guardia sulla gravità della decisione americana di inserire lo yemenita “Ansar Allah” nell’elenco delle “organizzazioni terroristiche ” a causa del suo impatto negativo sulle forniture alimentari dello Yemen.

Oggi, giovedì, il Programma alimentare mondiale ha affermato che “la designazione da parte di Washington del movimento” Ansar Allah “come organizzazione” terrorista “sarebbe una” condanna a morte per centinaia di migliaia di yemeniti ma milioni “.

Il Programma alimentare mondiale ha affermato che la decisione di Washington di inserire “Ansar Allah” nella lista nera “sarebbe un disastro e dovrebbe essere annullata”.

David Beasley, direttore generale del Programma alimentare mondiale, ha ritenuto l’Arabia Saudita responsabile della carestia che attanaglia lo Yemen e l’ha esortata a sostenere l’onere finanziario per prevenirne l’esacerbazione.
Il mondo sta affrontando una carestia senza precedenti dopo che il numero di persone bisognose a causa della pandemia di Corona è raddoppiato da 135 milioni a 270 milioni in un momento in cui gli aiuti finanziari si stanno riducendo”, ha detto Beasley in un discorso al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

Beasley ha sottolineato che la carestia yemenita “è provocata dall’uomo, quindi l’Arabia Saudita e gli altri paesi del Golfo ne sono responsabili e dovrebbero sopportare le loro conseguenze finanziarie e fermarla immediatamente”.

Da parte sua, l’inviato delle Nazioni Unite in Yemen, Martin Griffiths, ha espresso al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite la sua preoccupazione per l’impatto della decisione degli Stati Uniti di classificare Ansar Allah come un “gruppo terroristico straniero”.

“Temiamo la decisione degli Stati Uniti nei confronti di Ansar Allah perché scoraggerà gli sforzi per riunire le parti”, ha detto Griffiths, aggiungendo: “La strada per la pace nello Yemen non è mai stata facile in passato”.

Griffiths ha anche visto che la strada per la pace adesso “è diventata molto più difficile di quanto non fosse un mese fa, ma c’è ancora una via d’uscita”.

Griffiths ha sottolineato che dopo tutte le tragedie di cui hanno sofferto gli yemeniti, la pace è possibile quando c’è la volontà di raggiungerla. Ha continuato dicendo: “So che i negoziati sulla dichiarazione comune sono stati frustranti e che non possono continuare a tempo indeterminato”.

L’inviato delle Nazioni Unite in Yemen ha spiegato che “crede ancora che sia corretto dare seguito alle proposte contenute nella dichiarazione congiunta”, sottolineando che “dobbiamo dirigere la nostra attenzione a concordare una fine politica concordata, ed è così che finisce la guerra”.

Come ha detto Griffiths, “sono rimasto scioccato dai detriti che ho visto sul luogo dell’attacco all’aeroporto di Aden e l’entità del danno è stata straordinaria”. Ha affermato che le parti dovrebbero “accettare di rilasciare più detenuti e prigionieri”.

Da parte sua, il sottosegretario generale per gli affari umanitari delle Nazioni Unite Mark Lowcock ha dichiarato: “Non sto discutendo qui delle intenzioni dell’amministrazione statunitense di classificare Ansar Allah come un gruppo terroristico. Ma sto chiedendo cosa è successo a livello umanitario? La risposta è una grande carestia diversa da qualsiasi cosa abbiamo visto in 40 anni”.

Il Comitato Internazionale della Croce Rossa ha ritenuto che la designazione di “Ansar Allah” da parte di Washington come “organizzazione terroristica” abbia ripercussioni spaventose sulla situazione umanitaria nello Yemen.

Il comitato ha indicato di essere preoccupato per lo “stallo” che questa classificazione può creare nel lavoro umanitario, “che porta a ostruzioni o ritardi”.

Share:

Author: Redazione

Un gruppo di "matti", con la voglia di informare e divertirsi...