Legalizzazione droghe. Proposta federale al Congresso

Il 15 giugno i membri democratici del Congresso degli Stati Uniti hanno presentato un disegno di legge per depenalizzare tutte le droghe a livello federale e trasferire l’autorità sulle sostanze dal procuratore generale al segretario per la salute e i servizi umani.
Il provvedimento, presentato dai Rappresentanti Bonnie Watson Coleman e Cori Bush, include anche disposizioni relative alla giustizia sociale, compresa la cancellazione dai casellari giudiziari, nonché la liberazione per coloro attualmente incarcerati o sotto controllo per alcune condanne relative alla droga. La proposta eliminerebbe anche le conseguenze associate alle condanne per droga, compreso il rifiuto del lavoro, i benefici pubblici, lo status di immigrato, la patente di guida e il diritto di voto.
La misura è stata introdotta prima del 50mo anniversario della dichiarazione della guerra alla droga il 17 giugno 1971, dall’allora presidente repubblicano Richard Nixon.

In una dichiarazione, Bonnie Coleman ha descritto la guerra alla droga come “una macchia sulla nostra coscienza nazionale sin dal suo inizio”.
“Iniziata nel 1972 come cinica tattica politica dall’amministrazione Nixon, la guerra alla droga ha distrutto la vita di innumerevoli americani e delle loro famiglie. Mentre ci sforziamo di affrontare questo problema, è essenziale cambiare la politica su sul consumo di droga, allontanandoci dall’approccio punitivo fallito a favore di uno basato sulla salute”.

Cori Bush ha descritto l’epidemia di cocaina crack che sta defraudando la sua comunità “di così tante vite” e ha definito la guerra alla cannabis “maligna“. Ha aggiunto che i neri sono tre volte più spesso arrestati per possesso di cannabis rispetto ai loro omologhi bianchi, nonostante tassi di consumo simili.

“Come infermiere, ho visto famiglie nere criminalizzate per il loro uso di eroina mentre le famiglie bianche sono state curate per il loro consumo di oppiacei. E ora, come membro del Congresso, vedo lo schema ripetersi con il fentanyl mentre la DEA spinge per una classificazione più ampia che criminalizzi il possesso e l’uso”, ha affermato in una nota. “Questo approccio punitivo crea più dolore, aumenta l’uso di sostanze e lascia milioni di persone che vivono nella vergogna e nell’isolamento con un supporto e una guarigione limitati.”

Il disegno di legge è stato redatto dalla Drug Policy Alliance il cui capo dell’ufficio per gli affari nazionali, Queen Adesuyi, ha aggiunto in un comunicato stampa che “la vita di qualcuno è rovinata” per possesso di droga ogni 23 secondi.

“Non saremo più soggiogati da un’offensiva creata al solo scopo di ‘sconvolgere’ le nostre comunità”, ha affermato in una nota. “Questo disegno di legge ci offre una via d’uscita, la possibilità di reimmaginare cosa e come potranno essere i prossimi 50 anni. Ci permette di offrire alle persone supporto piuttosto che punizioni. E dà a coloro che sono stati colpiti da queste leggi draconiane la possibilità di farsi avanti e abbracciare una speranza di vita che è stata loro negata a lungo.”

I democratici detengono una ristretta maggioranza in entrambe le camere del Congresso e, se la misura fosse approvata dalla Camera, avrebbe buone probabilità di essere approvata dal Senato.

(Newsweed.fr del 17/06/2021)

Share:

Author: Redazione

Un gruppo di "matti", con la voglia di informare e divertirsi...