Da lunedì 23 al via il Lecce Film Fest. Festival del Cinema invisibile

Da lunedì 23 agosto al via la quindicesima edizione del Lecce Film Fest – Festival del cinema invisibile, promosso dal Cineclub Fiori di Fuoco con la direzione artistica di Nicola Neto e Ornella Striani. Le Officine culturali Ergot di Lecce ospitano incontri, workshop, appuntamenti dedicati ai grandi del rock, concerti e un concorso internazionale che vede la proiezione di oltre 30 film tra fiction, documentari e animazione usciti nell’ultimo biennio. Ospite speciale Massimo Zamboni, scrittore e chitarrista del gruppo di culto CCCP – Fedeli alla Linea. Nella giornata inaugurale tre pellicole in concorso che raccontano la Puglia e il Salento e un omaggio a Franco Battiato.

Lunedì 23 agosto alle 18, si accendono i proiettori, e non solo, alle Officine Culturali Ergot per la quindicesima edizione del “Lecce Film Fest – Festival del Cinema Invisibile” organizzato e promosso dall’associazione Cineclub Fiori di Fuoco, ideato e diretto da Nicola Neto e Ornella Striani. Una rassegna che punta a valorizzare tradizione e ricerca alla scoperta dei nuovi linguaggi della cultura nel panorama internazionale, con l’intento di offrire nuove chiavi di lettura del tempo presente attraverso il cinema, la letteratura, la fotografia, il teatro, il circo e lo sport, tra storie d’amore e di riscatto di uomini e, soprattutto, donne.

Sino a martedì 31 agosto In programma incontri, concerti, workshop e un contest che mette a confronto le più interessanti produzioni cinematografiche, dalla Puglia al mondo, selezionate con cura per far conoscere un’idea di cinema fuori dalle logiche commerciali e della grande distribuzione.

Sono 33 le pellicole (lungometraggi e film brevi) in concorso tra fiction, documentari e animazione usciti nell’ultimo biennio, che offre uno sguardo inedito sulla realtà. Le proiezioni sono accompagnate dai dialoghi tra gli autori presenti e il pubblico.

“L’attività del Festival si è concentrata molto sulle nuove generazioni costruendo uno scambio stimolante anche nei mesi di lockdown e distanza”, commentano i direttori artistici Nicola Neto e Ornella Striani, “il programma è il frutto di questo percorso, un ponte tra le passioni musicali e cinematografiche di oggi e le icone della nostra storia, vitalissime e sorprendenti anche per i ragazzi che non le avevano ancora incontrate. In sintesi, nuova linfa per il futuro”.

Si inaugura con uno sguardo al Salento e alla Puglia lunedì 23, alle 18, con la proiezione del cortometraggio “Aria prima” di Luca De Paolis e Gaetano Mangia che racconta il territorio salentino e l’aria, uno dei beni primari più consumati e inosservati; a seguire “Heart wood” il film documentario di Stefano Petroni, un viaggio dalla Puglia al Sudamerica alla ricerca di un rimedio per salvare gli ulivi dalla Xylella. Alle 20 è la volta de “Il congedo” di Edoardo Winspeare, un uomo muore ma la vita del piccolo paese continua indifferente con i suoi rituali; ci si sposta poi verso Oriente con le ultime due proiezioni della prima giornata, in Qatar con “The black veil” di A.J. Al-Thanim che narra il tentativo di fuga di una donna costretta a sposare un soldato dell’ISIS e in Egitto con “Henet ward” di Morad Mostafa e il racconto di una decoratrice henné sudanese che prepara alle nozze una sposa egiziana. Si chiude in musica, alle 21, con “Rock Stories” e un omaggio al grande cantautore recentemente scomparso Franco Battiato, un viaggio nell’ avanguardia elettronica, il pop raffinato e la ricerca spirituale di un gigante della musica italiana. Introducono Nicola Neto e Pasquale Stea e a seguire il concerto di Antonio Ancora, Alessandro Casciaro e Gianluca Milanese.

Anche la sezione musicale del festival prevede ogni sera un appuntamento dedicato ai grandi della storia del rock come David Bowie, Pink Floyd, Led Zeppelin, Nick Cave, PJ Harvey e altri. Ad arricchire gli incontri, ci saranno gli interventi di esperti con i quali si approfondiranno i percorsi musicali, contesti storici e risvolti sociali ma anche i legami con il cinema e le serie TV. Tra gli ospiti, domenica 29 alle 18 (evento gratuito), Massimo Zamboni, scrittore e chitarrista dei CCCP – Fedeli alla linea, gruppo punk rock italiano di culto, attivo dal 1982 al 1990, considerato tra i più importanti e influenti nell’Italia degli anni ottanta, ispiratori di molte formazioni del rock alternativo dei decenni successivi. Gli appuntamenti prevedono anche proiezioni e concerti dal vivo di altri musicisti salentini Alessandro Casciaro, Marcello Zappatore, Frank Bramato,  Antonio Tunno, Marco Ancona e Scuro.

Da venerdì 27 a lunedì 30 agosto (dalle 16 alle 18), alle Officine Culturali Ergot, si terrà , inoltre, il workshop “Scrivere e illustrare una storia” rivolto a chiunque voglia imparare o affinare le proprie conoscenze sul mondo della scrittura e del disegno. Un percorso per mettere a fuoco gli elementi strutturali di una storia e le tecniche e gli stili per illustrarla condotto da Demetrio Salvi insegnante di teoria e tecnica della sceneggiatura alla Scuola di Cinema Sentieri selvaggi di Roma e Rosa D’Avino docente di arte, specializzata in incisione e pittura, che ha spaziato in campi diversi – dal cinema all’editoria – sperimentando diverse tecniche e pratiche.

Il Lecce Film Fest – Festival del cinema invisibile è organizzato dall’associazione culturale Cineclub Fiori di Fuoco, cofinanziato dalla Regione Puglia e realizzato in collaborazione con il Comune di Lecce, Coop Alleanza 3.0, l’Unione Italiana Circoli del Cinema, il Liceo Virgilio-Redi di Lecce, Holm Festival, Librerie Giunti e Mondadori Bookstore e il patrocinio del Ministero della Cultura – Direzione Generale per il Cinema e l’Audiovisivo e della Provincia di Lecce.

I biglietti giornalieri sono disponibili su www.eventbrite.it e presso i botteghini del Festival.

L’evento rispetta la normativa vigente in materia di prevenzione dal contagio del Covid-19.

Share:

Author: Redazione

Un gruppo di "matti", con la voglia di informare e divertirsi...