Grecia e aiuti a fondo perduto

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Gentile Direttore,
non so se la mia riflessione possa essere catalogata e archiviata nelle banalità, ma io credo che ogni genere di aiuto a fondo perduto, privato, pubblico o statale, sia un cattivo esempio. Mi riferisco ora alla grave situazione della Grecia. Per negligenze o cattiva gestione di uno Stato, un intero continente sta subendo danni enormi, inquantificabili. Non so fino a che punto sia corretto mettere in ginocchio intere nazioni a causa di una o due. La proposta che ritengo congrua anche se impopolare e contestata è la seguente: l’Europa ti aiuta con miliardi di euro e tu ci dai alcune isole del tuo arcipelago. Con la gestione delle isole, chi sgancia i quattrini potrà rientrare dall’esborso. Idem per il ns mezzogiorno d’Italia. La Cassa del Mezzogiorno ha stanziato dal 1952 qualcosa come 140 miliardi di euro. Qualcuno mi sa dire che fine hanno fatto? Sapete a che punto siamo? Che il Mezzogiorno chiede altro denaro e naturalmente a fondo perduto.
In Europa sta accadendo lo stesso, un fenomeno simile al cane che si morde la coda.
Marco Chierici

The following two tabs change content below.
Redazione

Redazione

Un gruppo di "matti", con la voglia di informare e divertirsi...
dddd

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Questo sito si serve dei cookie per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con FFAR Foundation. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi